venerdì 2 dicembre 2016

Due amori e un piccolo blog

Ho aperto da pochi giorni il mio blog e non so ancora se la sua vita proseguirà, o se si tratterà solo di una piccola parentesi momentanea. 
Sono una nostalgica: il passato è il mio grande amore; per questo motivo amo leggere i classici, studiare la storia che si è persa o si nasconde in luoghi incontaminati, ascoltare i lunghi racconti degli anziani, annusare le pagine ingiallite dei romanzi e conservare vecchie fotografie.
Il mio secondo (ma non per importanza) amore è la letteratura. Mi reputo fortunata, non tanto per gli studi che ho effettuato, quanto per il rapporto esclusivo che riesco ad avere con i mondi sepolti sotto le pagine di inchiostro.

Ma ora veniamo al titolo del mio blog, diciamo che esso ha a che fare con entrambe le mie passioni.
Vi lascio quindi con l'estratto di un racconto che di cui forse un giorno vi racconterò:


«[…] Signor Mario posso chiederle una cosa?». 
«Dimmi». 
«Carla è andata via per sempre, vero?». 
Dalla sua espressione desolata ebbi la conferma del mio timore. 
«Eh, speriamo di no. Qui si sta bene; la gente torna sempre. Tu non sei forse tornata dopo la prima volta?». 
«Sì». 
«Sai perché abbiamo dato questo nome alla mia trattoria? Qui la gente viene quando si stanca di stare al centro del mondo e ha bisogno di un angolo sempre uguale in cui tornare ogni volta diverso». 
«Ma sì, magari torna, anche se diversa. Buona notte».


Non mi resta che darvi il benvenuto, miei cari lettori :-)
Sentitevi liberi di lasciare un commento; mi farà piacere confrontarmi con voi:-)
Buona lettura!

Posta un commento